0 Comment

Specialiste dettagli

La nostra scuola si avvale della collaborazione di esperte per i laboratori di:

  • Musica
  • Motoria
  • Inglese

Musica gioco Movimento

“L’educazione musicale ha una funzione specifica nello sviluppo integrale del bambino e si concretizza in attività che rispettano la tripartizione piagetiana di gioco senso-motorio, simbolico e di regole, tre elementi che sono costantemente presenti nell’agire e nel pensare dei bambini, così come nell’agire e pensare musicale. L’obiettivo generale dell’intervento è l’esplorazione del mondo sonoro, condotta gradualmente, e fatta di ascolto e di esperienze dirette. Tale esplorazione è condotta partendo dal primo interesse del bambino, ossia quello del gioco.

Da un punto di vista didattico-musicale referente principale di questa esperienza formativa è la metodologia Orff, che per il rilievo dato all’integrazione di musica-movimento-parola, al gruppo, ala globalità dei processi e alla creatività, è in grado di rispondere all’esigenza, così propria del mondo dei bambini, di un apprendimento significativo ed emotivamente partecipato.

Questo metodo fondato sull’uso di semplici filastrocche e di strumenti didattici prende il nome del musicista e didatta tedesco Carl Orff che fondò nel 1924 a Monaco una scuola di musica per bambini. Egli per primo riunì un gruppo di strumenti adatti alla pedagogia musicale.”

Gli obiettivi prefissati :

  • e’ importante che il bambino sappia distinguere i diversi suoni che lo circondano, siano essi prodotti da elementi della natura, dal corpo umano, da strumenti musicali, ecc.
  • verranno proposti ai bambini esercizi ritmici di “Body percussion”.
  • attenzione suono-silenzio, fondamentale a qualsiasi età ed in qualsiasi attività musicale che il bambino ponga molta attenzione.
  • il bambino imparerà a caratterizzare lo stimolo sonoro attribuendogli una qualità con diversi aggettivi.
  • il bambino affinerà le capacità percettive collegando suoni a gesti, a parole, a segni e a movimenti.

Testo di Elena Ghilardi, specialista di musica

Progetto di educazione motoria

“Nella prima infanzia, motricità e apprendimento sono strettamente collegati. Le attività proposte mirano a portare i dispositivi sensoriali e percettivi del bambino al loro massimo rendimento, attraverso proposte che stimolino il movimento, l’esplorazione degli oggetti e i primi pensieri autonomi.

Le attività motorie saranno proposte in funzione degli interessi dei bambini. Saranno privilegiati giochi in forma libera, che offrono ai bambini l’occasione di fare esperienze personali, di coppia e di gruppo, che stimolino l’apprendimento di concetti e nozioni di orientamento, di percezione delle direzioni, delle distanze e della strutturazione spazio-temporale. Sarà dato rilievo al momento della verbalizzazione, permettendo così ai bambini di esprimere il proprio vissuto emotivo e corporeo. Attraverso la presa di coscienza del proprio corpo, il bambino acquisisce una graduale gestione di se stesso, di ciò che può fare con il suo corpo, dello spazio proprio e altrui.”

Testo di Evelin Vecchi, specialista di Educazione Motoria

Inglese

Il laboratorio di inglese si svolge 2 giorni alla settimana per un totale di 45 minuti per gruppo. Esso consiste in attività differenti, che possono essere realizzate all’interno o all’esterno dell’aula, durante le quali i bambini imparano a presentarsi in inglese ( hello, how are you? Fine;what’s your name? My name is…)e una serie di termini specifici (come colours, animals, numbers). Anche se, in realtà, l’obiettivo principale del corso non è tanto la memorizzazione di termini ( che avverrà in maniera più salda nelle scuole successive) , ma piuttosto creare un ambiente favorevole per un approccio positivo con questa nuova lingua.
La proposte d’attività sono differenti, in modo tale che i bambini abbiano  possibilità di scelta, in base ai loro interessi e intelligenze.
Durante l’ora si cerca di parlare i bambini in inglese per la maggior parte del tempo e se non comprendono eventuali termini o frasi chiedono chiarimenti all’insegnante.